TheMarchian goes to Belgium – Il Diario – Giorno 42

Il sabato è il giorno più bello della settimana, il più coinvolgente e dinamico, perciò mi sveglio sempre molto volentieri per andare ad aprire l’enoteca. Oggi accelero le mie attività mattutine prima di entrare a lavoro, perchè devo andare a fare una piccola spesa al supermarket. Quindi di buona lena svolgo la routine e verso le 10.00 sono pronto per uscire di casa. Faccio la commissione e sono in perfetto orario per aprire La Scoperta. Dopo qualche minuto arriva Cèline, e con lei anche i primi clienti della giornata, che come al solito si prospetta fruttuosa grazie alle tante persone che varcheranno la soglia dell’enoteca. Dopo un’oretta arriva anche Inge, e tutti insieme ci accingiamo a servire al meglio i nostri clienti. La giornata scorre rapida tra taglieri di salumi e di formaggi, bottiglie e tanti calici di vino. Facciamo un servizio rapido e professionale e riceviamo anche diversi complimenti per la bontà dei piatti che assembliamo in cucina. A metà pomeriggio un forte baccano irrompe nella tranquilla via Hopland, è un folto corteo che celebra l’Hare Krisna (un movimento spirituale fondato sui principi religiosi dell’India Nord-Occidentale) che con colori sgargianti, qualche carro allegorico e tanta musica sfila in allegria tra le strade di Anversa, portando colore e ritmo alla giornata. Una volta che la parata si è spostata dalla nostra via, la tranquillità torna a dominare, facendo risuonare solamente le note delle canzoni anni 60′ del negozio. La sera arriva velocemente, e prima di chiudere ho il tempo di fare la conoscenza di una donna italiana che ha vissuto per ben 10 anni qui ad Anversa, così mentre le preparo gli affettati da portare via scambiamo due chiacchiere. È interessante poter avere il punto di vista di un’italiana che ha passato tanto tempo in questo contesto, tra lavoro e vita privata, e mi promette di tornare martedì per pranzo, così per farci un po’ di compagnia tra italiani! Chiudiamo La Scoperta e salgo in casa per dare il via al mio penultimo weekend in Belgio. Stasera festeggio aprendo uno dei bianchi più importanti che abbiamo in enoteca: l’Impero 2015 di Mancini.

Si tratta di un particolare Pinot Noir vinificato in bianco prodotto a Pesaro, in vigne bellissime a strapiombo sul Mare Adriatico. Come si può evincere dall’etichetta si tratta di un vino creato per essere elegante e signorile, curato in ogni singolo particolare. Appare di un giallo paglierino intenso con lievi sfumature ramate (simili a quelle che si vedono in molti Champagne Blanc de Noirs), questa colorazione mi fa presagire un’interessante propensione all’invecchiamento, che probabilmente contribuisce a rendere questo vino un unicum in terra italica. I profumi sono molti e legati al percorso in barriques, che il vino ha effettuato prima di essere imbottigliato. L’apertura è ricca ma garbata, poichè al primo impatto si notano burro fuso, mandorle tostate, cipria e vaniglia. Conoscendo quanto i vini abbiano bisogno di aria per comunicare la loro essenza, l’ho servito in un calice ampio così da velocizzare il tempo di propagazione degli altri profumi. Aspetto un paio di minuti, e infatti si delinea perfettamente la sua spina dorsale. Il frutto è legato a note di kiwi giallo maturo, la nota rugginosa invece richiama la tipicità del vitigno ed infine la nota salmastra (che somiglia alle alghe e alla sabbia bagnata) rimanda alle splendide vigne sui cui crescono le piante di Pinot Noir. In bocca vive di un ottimo equilibrio tra parti morbide e parti dure, in particolare si esprimono molto la nota di mandorla tostata e quella di ruggine. Lo scorrimento è placido nel centro bocca fino a che vive una spiccata accelerazione sapida nel finale, che si allunga sui ricordi tostati e speziati dati dal passaggio in legno. Insomma un vino di notevole fattura, adatto a momenti riflessivi e anche all’abbinamento con formaggi pregiati o con risotti al tartufo, e poco importa se il mio abbinamento è un’insalatona mista con pecorino, l’inizio del weekend va festeggiato nel modo giusto!


TheMarchian.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...