TheMarchian goes to Belgium – Il Diario – Giorno 49

Sveglia sveglia, mi dice una voce nella mia testa, essa mi sta destando dal sonno mentre sullo sfondo risuona il fastidioso rumore della sveglia dell’iPhone. Clicco rimanda e mi concedo altri 10 minuti prima di destarmi completamente dal sogno mattutino. Passati questi brevi minuti di attesa e sfregamento degli occhi sono pronto per alzarmi, e quando suona nuovamente la sveglia balzo fuori dal letto con un un agilità felina. Un rapido stretching mi permette di riattivare il collo e le spalle, essi sono movimenti necessari per permettermi di collaudare le articolazioni in vista di quella che sarà la mia ultima giornata di lavoro ad Anversa. Procedo quindi a svolgere le mie attività mattutine con un po’ più di velocità, visto che l’orario di lavoro mi richiede di aprire un’ ora prima del solito. Alle 10.40 sono pronto, vestito e improfumato per aprire per l’ultima volta La Scoperta. Dopo qualche minuto arriva anche Cèline, e insieme ci apprestiamo a ricevere i primi clienti che arrivano per la spesa di salumi e formaggi del weekend. Dopo un’oretta insieme ai clienti per il pranzo arriva anche Inge, così comincia il ritmato servizio del sabato, che vede le persone optare per piatti freschi e leggeri come l’insalata caprese ed il vitello tonnato abbinati a freschi calici di Rosato 2018 di Poggerino. In questa giornata calda e afosa sono in molte le persone che vengono a cercare momenti di refrigerio dentro l’enoteca, perciò anche se la maggioranza degli abitanti di Anversa se ne è andata verso il mare riusciamo a riempire abbastanza bene il locale. Nel tardo pomeriggio Inge se ne va e ci salutiamo (ma non per l’ultima volta) poichè ci siamo dati appuntamento a fine luglio quando lei sarà in vacanza nella sua casa nel Chianti. Così rimaniamo io e Cèline ad affrontare l’ultima ora e mezzo di orario di lavoro, arrivano clienti che si rilassano dalla frenetica e calorosa giornata di immersione nello shopping di fine Giugno. Alcuni di loro si protraggono fino a dopo l’orario di chiusura, e noi effettuiamo il servizio con attenzione dandogli modo di poter uscire da La Scoperta con il sorriso, avendo ricevuto un trattamento cordiale e simpatico. Verso le 19.40 chiudiamo il negozio e saluto e ringrazio Cèline per queste settimane di risate e di lavoro insieme. A quest’ora la fame tiranneggia nel mio stomaco e decido di tornare nel primo ristorante in cui mangiai la prima sera che arrivai ad Anversa. Scelgo di tornare da Ko’uzi, un ristorante giapponese che serve sushi, sashimi e maki di altissimo livello, ricalcando fedelmente lo stile della splendida isola asiatica.

Scelgo tre piatti: uno di sashimi misto, un di sushi mix e l’ultimo di Special sushi mix. Li accompagno con due corroboranti Gin-tonic con ghiaccio allo Yuzu, una specie di limone che cresce nell’Asia orientale. Esco ben rifocillato è soddisfatto e mi avvio verso casa per la penultima notte ad Anversa.


TheMarchian.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...