La Malvasia Nera – Solisti in Penombra

Grappolo di Malvasia Nera
Copyright 2012 CRA VIT – SNCV

Il terzo appuntamento di “Solisti in Penombra” parla della Malvasia Nera, un’uva molto antica legata indissolubilmente al Mar Mediterraneo, la cui origine viene raccontata da storie molto diverse. Una di esse narra di una sua antica presenza nel “Mare Nostrum”, precisamente nell’isola di Malta, dove si pensa che venisse utilizzata per produrre un vino, al tempo, molto conosciuto. L’altra storia su la sua origine riguarda il nome, che sembrerebbe provenire da una città portuale del Peloponneso chiamata Monembasia, Monemvasia o Monovasia. La varietà proveniente da questo porto, e descritta dagli storici antichi (greci e romani), sembra collegarsi alla Malvasia Nera aromatica diffusasi prevalentemente nelle regioni che si affacciano sul Mare Adriatico, grazie alle fitte reti mercantili che da sempre hanno animato questa sezione del Mediterraneo. Dei recenti studi sul suo DNA (condotti dall’ Università di Pisa, il CRA-VIT di Conegliano e il CRA-VIC di Arezzo), hanno evinto che la varietà presente in Toscana non sarebbe collegata alle Malvasie nere pugliesi, bensì sorprendentemente al Tempranillo spagnolo. Ribaltando la tesi sopracitata che la collegherebbe al gruppo delle aromatiche. Secondo delle plausibili ricostruzioni storiche, la suddetta varietà iberica si diffuse lungo tutta la Via Francigena, portata dai monaci e dai pellegrini che da Santiago viaggiavano verso Roma. Non è quindi un caso che la sua diffusione si sia sviluppata maggiormente intorno alle città di: Lucca, San Miniato, San Gimignano, Monteriggioni e Siena. In particolare intorno al Borgo di San Miniato alcune aziende hanno scoperto, tramite i test del DNA, di avere alcuni ettari impiantati a “Tempranillo”. Anche se la sua reale origine rimane ancora immersa nell’incertezza, il suo utilizzo e il suo adattamento la ambiente pedo-climatico toscano la rendono una varietà praticamente autoctona, che in blend con il Sangiovese ha scritto la storia di alcuni famosi Supertuscan.
Descrizione Ampelografica:
Foglia: media, pentagonale, quinquelobata.
Grappolo: grosso, piramidale, allungato, compatto.
Acino: medio, sferoidale.
Buccia: spessa, pruinosa, di colore nero-bluastro.
Fenologia:
Germogliamento: 15 gg dopo il Sangiovese
Fioritura: all’incirca nella prima decade di giugno.
Invaiatura: fine luglio.
Maturazione dell’uva: intorno a metà settembre.
Caratteristiche e attitudini colturali:
Produzione: ha una produzione abbondante.
Resistenza alle malattie: è resistente alle malattie.
Le principali denominazioni in cui è consentito l’uso di questa varietà in Toscana:
DOCG
Chianti, Chianti Classico, Carmignano, Montecucco Sangiovese, Morellino di Scansano, Suvereto, Val di Cornia Rosso, Vino Nobile di Montepulciano
DOC
Barco Reale di Carmignano, Cortona Rosso, Maremma Toscana, Montecarlo, Montescudaio, Rosso di Montepulciano, San Gimignano Rosso, Sant’Antimo, Val d’Arno di Sopra
IGT
Alta Valle della Greve, Costa Toscana, Toscano o Toscana

Caratteristiche organolettiche della Malvasia Nera – Copyright http://www.themarchian.com

Il vino prodotto da uve Malvasia Nera si mostra con un colore intenso e fitto, in gioventù si esprime con riflessi violacei che successivamente virano al rubino. Al naso la violetta di campo esprime la parte floreale, che poi viene dominata dai sentori di frutta scura matura come: mora, mirtillo e susina. Peculiari sono le pungenti note speziate di pepe nero e le selvatiche note carnacee e di sottobosco. In bocca i tannini sono armoniosi, e mettono in evidenza la vellutata morbidezza caratteristica del vitigno. Il finale di bocca è solitamente scandito dai coerenti ritorni di frutta scura e pepe nero. Grazie alle sue doti si può abbinare con successo a un pecorino di Pienza di media stagionatura o a cosciotti d’anatra all’arancia cotti in forno.
TO BE CONTINUED…

TheMarchian.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...